Trattamenti in gravidanza, quali fare?

trattamenti in gravidanza

Spesso si pensa erroneamente che in gravidanza non si possano fare cure e trattamenti di tipo estetico o termale. Né attività fisica. Niente di più sbagliato: non tutti i trattamenti sono da evitare in gravidanza, anzi, a volte possono regalare un po’ di relax e benessere.

Ecco allora qualche suggerimento per vivere la tua dolce accesa senza ansie, concedendosi tempo per la cura di sé, ma sempre con attenzione e senso di responsabilità.

Trattamenti estetici in gravidanza.

Manicure e pedicure.

Manicure e pedicure in gravidanza si possono fare, ma è fondamentale che gli strumenti siano sterilizzati. Se poi vuoi applicare lo smalto, magari semipermanente, o fare la ricostruzione con il gel, è meglio stare in una zona ben ventilata per non inalare sostanze potenzialmente tossiche.

Massaggi anticellulite in gravidanza.

Per contrastare la cellulite ed evitare quel fastidioso gonfiore cui si è soggette in gravidanza, specie in estate, puoi sottoporti a massaggi linfodrenanti. L’importante è affidarsi a dei professionisti. Nel primo trimestre vanno evitati gli oli essenziali.

Si può fare l’idromassaggio in gravidanza?

L’idromassaggio può essere un’ottima pratica rilassante, che in più attiva il microcircolo venoso e linfatico. Importante è che i getti non siano troppo forti e non vengano indirizzati verso il ventre. No, invece, a bagni caldi, bagni di vapore e sauna e a percorsi o trattamenti che prevedono bruschi passaggi dal caldo al freddo.

Trattamenti di bellezza in gravidanza.

Vietati docce e lettini solari, anche per prevenire l’insorgenza di macchie scure. Per quanto riguarda la ceretta, invece, meglio quella a freddo di quella a caldo che può indebolire i capillari e favorirne la rottura. Da evitare la depilazione permanente con laser e luce pulsata.

Bellezza dei capelli.

Le colorazioni sono da sempre sotto accusa per il loro contenuto di ammoniaca e altre sostanze potenzialmente tossiche, che potrebbero arrivare alla placenta e al feto attraverso il cuoio capelluto. Oggi, però, i nuovi prodotti per tingere i capelli contengono soprattutto sostanze naturali.

È bene, quindi, utilizzare coloranti con riflessanti vegetali, soprattutto nei primi tre mesi di gestazione. Successivamente, si può anche usare una tintura per capelli con ammoniaca, purché si eviti di respirarne i vapori.

Trattamenti per il corpo in gravidanza.

In gravidanza meglio evitare l’uso di creme e oli a base di caffeina o alghe. Per sottoporti a massaggi anticellulite e trattamenti, prediligi oli naturali come quello alla mandorla. Oltre che rendere la pelle più elastica e morbida, favoriscono la circolazione sanguigna.

Vuoi fare sport in gravidanza?

In generale, se sei in buona salute non hai nessun motivo per smettere di praticare sport, a meno che non si tratti di un’attività troppo pesante e aggressiva. Al contrario, fare attività fisica in gravidanza può essere piacevole sia per te che per il tuo bambino.
sport in gravidanza

Quali sport si possono praticare e non praticare in gravidanza.

Meglio evitare lo sci, l’equitazione o la scalata, perché queste discipline presentano un rischio di cadute troppo elevato.

Ci sono, invece, attività consigliate per tutte le future mamme. Vediamole insieme.

  • Camminata: è un buon modo per muoversi, rilassarsi e ottenere una sensazione di benessere.
  • Nuoto: il nuoto o l’Acquagym hanno virtù calmanti, migliorano la respirazione e aiutano il parto. Fanno anche lavorare il perineo e rafforzano i muscoli.
  • Yoga: è allo stesso tempo uno sport ed un’eccellente preparazione al parto. I vantaggi sono quasi identici a quelli del nuoto.
  • Pilates: questa attività permette di alleviare alcuni dolori legati alla gravidanza e di controllare meglio la respirazione.

Si può andare alle terme in gravidanza.

Le terme in gravidanza sono un valido aiuto per le donne che desiderano rilassare corpo e psiche. Alcuni trattamenti termali non comportano rischi né controindicazioni e favoriscono una gravidanza serena.

Solo in alcuni casi, le terme sono sconsigliate alle donne incinte: se soffrono di pressione troppo alta, nel caso di gravidanza a rischio (con sanguinamento), quando c’è in corso un’infezione vaginale. In queste circostanze, infatti, le acque termali potrebbero rendere più aggressiva l’infezione stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.